Vacrigistina's Blog

media, comunicazione, società e politica secondo la mia prospettiva di genere

Leggere per rompere il silenzio

Posted by vacrigistina su 6 febbraio 2010

Dopo molti mesi di silenzio da parte mia, che evito di spiegare nei dettagli ma che trova le sue cause principali nell’alienazione della vita quotidiana e nello svuotamento interiore dovuto a ritmi frenetici ed ad un lavoro poco soddisfacente, vorrei riprendermi questo mio (ma spero non solo) spazio proponendo un libro (dato che in questi mesi la scrittura è stata sostiutita dalla lettura) che racconta una storia su cui troppo spesso media e società hanno taciuto, una storia silenziosa perchè senza voce mediatica ma purtroppo molto reale. Si tratta del femminicidio di Ciudad Juarez, in Messico.

A Ciudad Juarez dal 1993 sono state uccide migliaia di donne: più di 400 sono state trovate morte nei campi intorno alla città e altre 600 ragazze sono scomparse. Le donne sono state torturate, violentate, massacrate, mutilate in alcuni casi bruciate o rese irroconoscibili. Avevano un’età compresa tra i 6 e i 25 anni e provenivano da famiglie povere orginarie di altre città, per lo più arrivate a ciudad juarez per trovare lavoro come operaie nelle maquilladoras. Spiegare tale efferata violenza di genere (che ha cioè come vittime le donne solo in quanto tali) è per me molto difficile, ma quello che si palesa nella sua semplcità e scontatezza, è la presenza di “un’allenza nella violenza” di diversi soggetti: polizia, magistratura, governo locale e assassini. L’indifferenza delle istituzioni e di coloro che dovrebbero garantire la sicurezza prima e la giustizia poi, è in questo caso vera e propria complicità nei crimini. E se non complici almeno in parte responsabili anche i media che trattano il femminicidio come “non notizia”.

Ciudad Juarez è diventato il posto al mondo più pericoloso le donne, ma nonostante questo oggi ancora non è stata presentata una spiegazione ufficiale e veritiera su quello che è successo, nonostante questo il silenzio continua e con il passare del tempo si rafforza.

Io ne parlo adesso in questo spazio, perchè stimolata da una discussione con una mia amica e dal recente libro edito dalla casa editrice FrancoAngeli, che vi propongo: Ciudad Juarez. La violenza sulle donne in America Latina, l’impunità, la resistenza delle Madri.

Potete consultare la scheda del libro sul sito della casa editrice

E parlando di Ciudad Juareza non posso non proporre anche se meno recente, il libro a fumetti Luchadoras delal disegnatrice Peggy Adam.

Annunci

Una Risposta to “Leggere per rompere il silenzio”

  1. giusi said

    Anche per me è molto difficile……. Prenderò il libro al più presto! Ciao bellina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: